LogoNE

Sinodo dei vescovi: 20 ottobre

vescovi sinSabato 20 ottobre 2012 si è tenuta la Diciottesima Congregazione Generale per la prima votazione dell’XIII Consiglio Ordinario della Segreteria Generale del Sinodo dei Vescovi, per la presentazione dello Schema del Messaggio e per la discussione sul Messaggio. Al termine della Congregazione i Padri Sinodali si sono recati nella Sala Clementina del Palazzo Apostolico in Vaticano per partecipare alla consegna del Premio Ratzinger 2012.

Promosso dalla Fondazione vaticana “Joseph Ratzinger – Benedetto XVI” e giunto alla seconda edizione, quest’anno il riconoscimento viene consegnato dal Santo Padre al filosofo e storico francese Rémi Brague e al teologo statunitense Brian Daley.

 

DICIOTTESIMA CONGREGAZIONE GENERALE
(SABATO 20 OTTOBRE 2012 - ANTEMERIDIANO)


SUFFRAGATIO PRO CONSILIO (I) 

In apertura della Congregazione Generale ha avuto luogo la prima votazione in forma elettronica per l’elezione di 12 Membri del XIII Consiglio Ordinario della Segreteria Generale del Sinodo dei Vescovi (3 Membri per i Continenti Europa, Africa, America e Asia-Oceania).
Il Consiglio Ordinario della Segreteria Generale del Sinodo dei Vescovi viene costituito alla fine di ogni Assemblea Generale Ordinario del Sinodo dei Vescovi. Esso è formato da 15 Membri, dei quali 12 sono eletti dallo stesso Sinodo, tenuto conto della rappresentanza dei Vescovi sparsi in tutto il mondo, e tre sono designati dal Romano Pontefice.

L’elezione dei Membri avviene per scrutinio segreto ed ha efficacia giuridica quando, tolti i voti nulli, risulterà a favore la maggioranza assoluta dei votanti, oppure, dopo il primo scrutinio inefficace, al secondo scrutinio la maggioranza relativa. Se i voti fossero in parità si procederà a norma del C.I.C., can. 119, 1°.

I Vescovi eletti al Consiglio Ordinario della Segreteria Generale conservano il proprio ufficio fino a quando inizia la nuova Assemblea Generale Ordinaria.

Spetta al Consiglio della Segreteria Generale collaborare con il Segretario Generale: nell'esaminare tutte le proposte dei Sinodi dei Vescovi e dei Consigli dei Gerarchi delle Chiese Orientali Cattoliche, delle Conferenze Episcopali, dei Dicasteri della Curia Romana e dell’Unione dei Superiori Generali a riguardo delle questioni da trattare al Sinodo; nel preparare i lavori da svolgere nella prossima assemblea del Sinodo; nel dare consigli per l’esecuzione di quanto proposto dal Sinodo e approvato dal Romano Pontefice; infine provvedere alle altre questioni che il Romano Pontefice gli avrà assegnato.

I Membri del Consiglio Ordinario della Segreteria Generale sono convocati dal Segretario Generale due volte l'anno ed inoltre tutte le volte che, a giudizio del Romano Pontefice, sembrerà opportuno.

 

PRESENTAZIONE DELLO SCHEMA DEL MESSAGGIO

È intervenuto in Aula, per la lettura della Bozza del Messaggio, S. Em. R. Card. Giuseppe BETORI, Arcivescovo di Firenze (ITALIA), Presidente della Commissione per il Messaggio.

Nelle Assemblee sinodali si è affermata la consuetudine di pubblicare un Messaggio (Nuntius) indirizzato al popolo di Dio, con particolare riferimento alle categorie di persone coinvolte direttamente nell’argomento del Sinodo. Il Nuntius, di genere pastorale, ha la finalità di incoraggiare il popolo di Dio a rispondere fedelmente alla sua speciale vocazione, nonché di lodarlo per gli sforzi già fatti.

 

DISCUSSIONE SUL MESSAGGIO

Successivamente la lettura si è svolta una discussione sulla bozza del Messaggio, presentata dal Presidente della Commissione per la preparazione del Messaggio.

Dopo aver raccolto le osservazioni dell’Assemblea nella discussione generale in Aula, la Commissione per il Messaggio preparerà un progetto definitivo che sarà sottomesso all’approvazione dell’Assemblea. Il testo definitivo del Messaggio sarà pubblicato alla chiusura dei lavori sinodali, in italiano, francese, inglese, spagnolo e tedesco.

 

 

StampaEmail

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.