LogoNE

Intervento conclusivo del Papa al Sinodo

sinodo50"Anche se la Chiesa sente venti contrari, tuttavia sente soprattutto il vento dello Spirito Santo che ci aiuta, ci mostra la strada giusta; e così, con nuovo entusiasmo, mi sembra, siamo in cammino e ringraziamo il Signore perché ci ha dato questo incontro veramente cattolico". Benedetto XVI ha ringraziato tutti coloro che hanno lavorato allo svolgimento dell’Assemblea ed ha annunciato cambiamenti nella competenza, per i dicasteri vaticani, sui seminari e sulla catechesi. 

{youtube}-QMGA3z60hM{/youtube}


Sono le parole del Papa a chiudere i lavori in Aula del Sinodo dei vescovi, così come li avevano inaugurati tre settimane fa. Benedetto XVI interviene per annunciare, innanzitutto, un cambiamento: la competenza sui seminari passerà dalla Congregazione per l’Educazione cattolica a quella per il Clero. Allo stesso tempo, la Congregazione per il Clero perderà la competenza sulla catechesi che passerà al Pontificio Consiglio per la Nuova Evangelizzazione. I documenti relativi a tale cambiamento seguiranno prossimamente, in forma di Motu proprio.
Si tratta di una decisione, ha detto il Papa, scaturita proprio dal contesto delle riflessioni sinodali. Quindi, il Pontefice ha ringraziato tutti coloro che hanno lavorato allo svolgimento dell’Assemblea, la quale - ha detto – è stata edificante ed incoraggiante, specchio della Chiesa universale con le sue sofferenze, ma anche con le sue gioie:
"Il Signore è presente e potente e il Signore è operante anche tramite il nostro lavoro e le nostre riflessioni. Anche se la Chiesa sente venti contrari, tuttavia sente soprattutto il vento dello Spirito Santo che ci aiuta, ci mostra la strada giusta". 

Di qui, il sentito grazie che il Papa ha rivolto alle testimonianze commoventi ascoltate in Aula, ai presidenti delegati e al segretario generale che hanno guidato l’Assemblea, agli uditori, a chi ha lavorato giorno e notte in modo indefesso. Infine, Benedetto XVI ha espresso i suoi auguri ai sei cardinali designati, che verranno creati nel Concistoro del prossimo 24 novembre e che mostrano, ha concluso, l’universalità della Chiesa. 
Poi, il Sinodo procede alla votazione delle 58 proposizioni finali: ad una ad una vengono lette in latino dal relatore generale, il cardinale Donald Wuerl, e dal segretario speciale, mons. Pierre-Marie Carré. Ma se la lingua è antica, il contenuto è attuale: in sostanza, le proposizioni affermano che la Chiesa guarda alla nuova evangelizzazione senza paura, con coraggio, considerandola una vera opportunità di annuncio del Vangelo nel complesso contesto del mondo contemporaneo. 
Suddivise in quattro gruppi - la natura della nuova evangelizzazione, il contesto del ministero della Chiesa oggi, le risposte pastorali alle circostanze dei giorni nostri, gli agenti ed i partecipanti della nuova evangelizzazione - più un’introduzione ed una conclusione, le proposizioni definiscono la nuova evangelizzazione come missione permanente della Chiesa, tempo di risveglio e ribadiscono l’importanza dell’inculturazione della fede nella contemporaneità, ma con il giusto discernimento degli elementi positivi da quelli negativi. Di qui, l’accento posto su un mondo secolarizzato sì, ma pur sempre creazione di Dio, al quale i cristiani non possono restare indifferenti perché si vive nel mondo anche se non si è del mondo. 
Centrale, poi, la riflessione sul primo annuncio, per il quale i vescovi suggeriscono la definizione di linee guida precise, anche perché proclamare ed ascoltare il Vangelo è un diritto per ogni persona, credente o no, ed un obbligo per ogni cristiano. La proclamazione della Parola di Dio, dunque, lontana dal proselitismo, rispetti tutti. In questo contesto, il Sinodo incoraggia le diocesi e le parrocchie allo studio della Sacra Scrittura. 
Guardando nello specifico alle sfide attuali, come la globalizzazione, i vescovi ribadiscono che il Vangelo offre una visione di vita che non si impone, ma si propone come messaggio di pace, bellezza, verità e speranza che aiuta l’uomo ad uscire dalla solitudine post-moderna. Oggi, notano i presuli, in un mondo in cui c’è guerra, violenza, individualismo, la Chiesa deve esercitare la riconciliazione in modo calmo e risoluto, portando un messaggio di amore e giustizia. Di qui, l’invito racchiuso in una specifica proposizione affinché ogni opportunità venga colta per tutelare i diritti umani. 
Ampia, poi, la riflessione sulla libertà religiosa, definita dal Sinodo diritto umano fondamentale che include la libertà di coscienza. Considerata la necessità crescente di tutelare tale diritto, il Sinodo suggerisce di pensare ad una Commissione di leader religiosi nel mondo che monitori, anche attraverso il Pontificio Consiglio Giustizia e pace, gli attacchi alla libertà religiosa e di coscienza. Ed in questo senso, le proposizioni riflettono anche sullo sviluppo umano, perché non si può pensare alla nuova evangelizzazione senza un impegno serio in favore della giustizia e contro le cause della povertà. 
Ulteriori suggerimenti guardano agli strumenti che la nuova evangelizzazione ha a disposizione: i mass media, per i quali si richiede la giusta formazione; la bellezza, dimensione speciale di un nuovo annuncio del Vangelo; i migranti, che vanno tutelati nella loro dignità e difesi dalle nuove forme di schiavitù, dalla tratta e dal traffico di organi. I vescovi, inoltre, richiamano la necessità di una conversione personale e collettiva, ribadiscono la chiamata alla santità per ciascuno, chiedono alle istituzioni di difendere il diritto all’educazione e alla libertà di insegnamento e suggeriscono che ogni università cattolica abbia un dipartimento di studi dedicato alla nuova evangelizzazione. Sottolineata poi l’importanza della catechesi degli adulti ed affermato che le Conferenze episcopali possono chiedere alla Santa Sede l’istituzione di un ministero per i catechisti. 
Il Sinodo non dimentica, quindi, la nuova evangelizzazione nei confronti dei poveri e dei malati, in cui si vede il volto di Cristo; ribadisce l’importanza del sacramento della penitenza, chiedendo che sia sempre presente nella vita parrocchiale; riconosce la pietà popolare e il pellegrinaggio come opportunità di crescita della fede. Guardando ai carismi, definiti doni della Chiesa, i vescovi li invitano alla cooperazione con le diocesi, mentre le parrocchie vengono incoraggiate ad essere sempre più ambienti spirituali aperti a tutti i fedeli. 
Proposizioni specifiche sono riservate quindi ai laici, invitati ad operare a fianco della Chiesa nella nuova evangelizzazione; alle donne, delle quali si ribadisce la dignità e se ne riconoscono le capacità, e alla famiglia cristiana, Chiesa domestica, primo agente di vita, di amore e di trasmissione della fede. Senza dimenticare i divorziati e i conviventi, il Sinodo sottolinea che la Chiesa dovrà cercare per loro risposte appropriate. Il pensiero va anche ai giovani: presente, futuro e dono della Chiesa, ricettori e attori della nuova evangelizzazione, dice il Sinodo, vanno accompagnati nella scoperta della loro vocazione di vita. 
Spazio, poi, alla formazione continua dei sacerdoti che devono essere testimoni autentici e credibili, veri modelli di fede. E di fronte agli scandali che colpiscono la vita sacerdotale, i vescovi ringraziano i tanti presbiteri fedeli al loro ministero e chiedono per loro un piano pastorale di accompagnamento. Un incoraggiamento viene rivolto anche ai consacrati, affinché vivano la loro identità radicalmente e con gioia, in comunione con la Chiesa. 
Infine, le proposizioni affrontano il tema del dialogo: quello ecumenico, che dà credibilità all’annuncio del Vangelo e per il quale si auspicano ulteriori progressi; quello interreligioso, che deve essere intensificato soprattutto con i musulmani e che implica il rispetto della libertà di coscienza e di religione, nell’ottica di una collaborazione reciproca per la difesa e la promozione della dignità umana. E ancora: il dialogo tra scienza e fede ed il dialogo con i non credenti, messo in atto dal Cortile dei gentili e diretto, per lo più, a chi non conosce Dio ma non vuole rimanere semplicemente senza di Lui, ma avvicinarlo almeno come sconosciuto. 
Gli ultimi suggerimenti del Sinodo riflettono sulla salvaguardia del Creato, sulla trasmissione della fede a partire dagli insegnamenti del Concilio Vaticano II, e su Maria, Stella della nuova evangelizzazione. 
Spetterà ora ad un’eventuale esortazione apostolica post-sinodale di Benedetto XVI raccogliere tali suggerimenti. Ma per ora, i credenti ricordino che portare la gioia del Vangelo nel mondo è compito di tutti, nessuno escluso.

(Fonte: Isabella Piro per Radio Vaticana, 27 ottobre 2012)
 

Parole del Santo Padre

Cari Fratelli e sorelle,
prima di ringraziare da parte mia, vorrei ancora fare una comunicazione.
Nel contesto delle riflessioni del Sinodo dei Vescovi, "La Nuova Evangelizzazione per la trasmissione della Fede Cristiana", ed a conclusione di un cammino di riflessione sulle tematiche dei Seminari e della Catechesi, mi è gradito annunciare che ho deciso, dopo preghiera e ulteriore riflessione, di trasferire la competenza sui Seminari dalla Congregazione per l'Educazione Cattolica alla Congregazione per il Clero e la competenza sulla Catechesi dalla Congregazione per il Clero al Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione.
Seguiranno i documenti relativi in forma di Lettera Apostolica Motu Proprio per definire gli ambiti e le rispettive facoltà. Preghiamo il Signore perché accompagni i tre Dicasteri della Curia Romana nella loro importante missione, con la collaborazione di tutta la Chiesa.
Avendo già la parola, vorrei anche esprimere i miei cordialissimi auguri ai nuovi Cardinali. Io ho voluto, con questo piccolo Concistoro, completare il Concistoro di febbraio, proprio nel contesto della Nuova Evangelizzazione, con un gesto dell'universalità della Chiesa, mostrando che la Chiesa è Chiesa di tutti i popoli, parla in tutte le lingue, è sempre Chiesa di Pentecoste; non Chiesa di un Continente, ma Chiesa universale. Proprio questa era la mia intenzione, di esprimere questo contesto, questa universalità della Chiesa; è anche la bella espressione di questo Sinodo. Per me è stato veramente edificante, consolante ed incoraggiante vedere qui lo specchio della Chiesa universale con le sue sofferenze, minacce, pericoli e gioie, esperienze della presenza del Signore, anche in situazioni difficili.
Abbiamo sentito come la Chiesa anche oggi cresce, vive. Penso, per esempio, a quanto ci è stato detto sulla Cambogia, dove di nuovo nasce la Chiesa, la fede; o anche sulla Norvegia, e tanti altri. Vediamo come anche oggi dove non si aspettava, il Signore è presente e potente e il Signore è operante anche tramite il nostro lavoro e le nostre riflessioni.
Anche se la Chiesa sente venti contrari, tuttavia sente soprattutto il vento dello Spirito Santo che ci aiuta, ci mostra la strada giusta; e così, con nuovo entusiasmo, mi sembra, siamo in cammino e ringraziamo il Signore perché ci ha dato questo incontro veramente cattolico.
Ringrazio tutti: i Padri del Sinodo, gli Uditori, con le testimonianze veramente spesso molto commoventi, gli Esperti, i Delegati fraterni che ci hanno aiutato; e sappiamo che tutti vogliamo annunciare Cristo ed il suo Vangelo e combattere, in questo tempo difficile, per la presenza della verità di Cristo e per il suo annuncio.
Soprattutto vorrei ringraziare i nostri Presidenti che ci hanno guidato dolcemente e decisamente, i Relatori che hanno lavorato giorno e notte. Io penso sempre che sia un po' contro il diritto naturale lavorare anche di notte, ma se lo fanno volontariamente si possono ringraziare e dobbiamo sentirci grati; e, naturalmente, il nostro Segretario Generale, indefesso e ricco di idee.
Adesso queste Propositiones sono un testamento, un dono, dato a me per noi, per elaborare tutto in un documento che viene dalla vita e dovrebbe generare vita. Su questo speriamo e preghiamo; in ogni caso, andiamo avanti con l'aiuto del Signore. Grazie a voi tutti. Con molti ci vediamo anche in novembre - penso al Concistoro. Grazie.

 

 

StampaEmail

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.